martedì 11 aprile 2017

REGIONE ABRUZZO

NUOVA LEGGE REGIONALE SULLA PESCA, LA GESTIONE DELLA FAUNA ITTICA AFFIDATA ALL'IZSAM

giovedì 06 aprile 2017, 11:56
L’ IZSAM “G. Caporale” è stato individuato quale organismo tecnico-scientifico di supporto alla Regione per le attività previste in relazione alla gestione del patrimonio ittico e degli ecosistemi d’acqua dolce.
Nella nuova legge regionale sulla gestione della fauna ittica e sulla disciplina della pesca delle acque interne approvata ieri dal Consiglio Regionale, l’ IZSAM è stato individuato quale organismo tecnico-scientifico di supporto alla Regione per le attività previste in relazione alla gestione del patrimonio ittico e degli ecosistemi d’acqua dolce.
L’IZSAM, oltre ad aver partecipato con i suoi esperti alla stesura della legge che, tra l’altro, prevede la formazione dei pescatori sportivi per una corretta gestione degli ecosistemi acquatici, svolgerà i seguenti programmi e attività, regolamentati da apposita convenzione con la Direzione regionale competente per materia:
a) programmare e pianificare la tutela e la gestione della fauna acquatica secondo quanto previsto dalla legge;
b) raccogliere i dati in collaborazione con le associazioni dei pescatori relativi alla pressione e allo sforzo di pesca nelle acque interne;
c) predisporre i piani di intervento relativi alla rinaturalizzazione dei corsi d’acqua interni, per ripristinare gli ecosistemi naturali e contribuire a contrastare il dissesto idrogeologico
d) monitorare lo stato di espansione delle specie ittiche invadenti e alloctone, ossia quelle pericolose per la fauna locale in quanto originarie di altri luoghi, con determinazione dei criteri generali per il loro contenimento;
e) verificare l’efficacia delle azioni di prevenzione delle malattie infettive dei pesci, che possono anche essere trasmesse all’uomo (epizoozie);
f) predisporre la stesura e l’aggiornamento della carta ittica regionale;
g) proporre progetti per il recupero ed il mantenimento delle comunità acquatiche e in favore della pesca sportiva.
«Si tratta – spiega il Presidente del Cda dell’IZSAM Manola Di Pasquale – di un altro importante passo per la tutela dell’ambiente e della fauna ittica regionale. L’IZSAM svolgerà un ruolo importante, come centro di ricerca che opera a livello nazionale ed internazionale, per la conservazione del patrimonio naturalistico abruzzese e per promuovere una pesca che sia anche rispettosa dell’ecosistema. Ricordo inoltre che l’IZSAM gestisce anche il Centro sperimentale regionale per la Pesca e l’Acquacoltura che ha sede a Termoli»

Come Laboratorio di riferimento per le attività previste dalla legge sarà utilizzata la sede di Capestrano dove sono stati realizzati due incubatori di valle per l’allevamento della trota autoctona e del gambero italico finalizzati al ripopolamento delle acque interne.

GUARDIA PESCA VOLONTARIO UCCISO A FERRARA

Ferrara, uccide guardia pesca e ne ferisce un'altra: braccato Igor, il killer di Budrio
di Paolo Ricci Bitti
Il killer ricercato
Un altro innocente ammazzato con un colpo di pistola, come il barista di Budrio una settimana fa: è iniziato così, nella serata di sabato, il nuovo capitolo della storia di sangue, rapine e fughe di Igor Vaclavic, adesso braccato da centinaia di carabinieri e poliziotti nella "bassa" tra Ferrara, Bologna e Ravenna, conosciuta come le sue tasche dal fuggiasco che è petretto dall'oscurità e spronato dalla disperazione di chi non ha ormai più nulla da perdere. 
Una guardia ambientale volontaria uccisa, una guardia provinciale ferita seriamente, lungo la strada Mondo Nuova, a otto chilometri da Portomaggiore (Ferrara): tutto porta a ipotizzare che a sparare sia stato Igor Vaclavic, 41 anni, ricercato per una serie di rapine commesse nel Ferrarese nell'estate 2015, e sospettato di essere l'assassino del barista Davide Fabbri, ucciso con un colpo di pistola fa a Budrio. Ieri sera avrebbe sparato dopo essere stato fermato per un controllo. La vittima si chiamava Valerio Verri, 65 anni. Il ferito è Marco Ravaglia, cinquantenne, da giovane giocatore di rugby del Cus Ferrara che, pur colpito a una spalla e alla schiena, è riuscito a dare l'allarme: è stato operato e non è in pericolo di vita. I due componevano una pattuglia che svolgeva periodicamente controlli del territorio per evitare bracconaggio, pesca di frodo, abbandono di rifiuti, bivacchi di immigrati clandestini. Non erano certo a caccia di un bandito pericoloso. 
L'incontro con l'omicida è stato così casuale, durante una delle consuete perlustrazione. L'assassino è sceso dal Fiorino bianco e poi, minacciandolo con il fucile, ha disarmato Ravaglia.  Forse le due guardie hanno tentato comunque di fronteggiare il bandito che ha sparato con una pistola uccidendo Verri e ferendo Ravaglia. Poi la fuga sul piccolo furgone rubato a Molinella di Bologna. E' iniziata allora un'imponente caccia all'uomo. Poco dopo l'uccisione della guardia, Vaclavic è stato intercettato dai carabinieri nella località Marmorta del comune di Molinella, al confine con la provincia di Ferrara. Non gli è restato allora che continuare la fuga a piedi in quella che è una zone "umide" più note d'Italia, le valli di Argenta che ospitano anche parte del Parco del Delta del Po e numerose altre oasi naturalistiche come appunto quella di Marmorta.
Un territorio poco popolato, attraversato da fiumi, a cominciare dal Reno, e da canali artificiali, fossati che compongono un secolare e imponente complesso di regimentazione delle acque e che rappresenta, per chi lo conosce, una formidabile e discreta alternativa a e strade e sentieri, soprattutto adesso che la rigidità dell'inverno è terminata.
Vallate, canneti, zone paludose, grandi macchie di lecci, pioppi, olmi. E poi sacche, casse di espansione (utilizzate durante le piene), argini, chiuse. Un terreno ricco di nascondigli artificiali e e naturali che mette in difficoltà i cani, ostacolati dai corsi d'acqua in cui il fuggiasco potrebbe rifugiarsi mentre si sposta, e che rende poco efficace anche l'uso degli elicotteri e dei loro potenti fari. Per di più avvicinarsi al fuggiasco è estremamente pericoloso ed è probabile che, per evitare di rischiare altre vite, si attenderanno le luci dell'alba per stringere ancora il cerchio via via delimitato sulle strade della zona dai lampeggianti delle "gazzelle" e delle "pantere" che punteggiano la notte senza nubi in parte rischiarata dalla luna crescente.
Ore utilizzate anche per coinvolgere altri uomini e rafforzare la "chiusura" della zona, in particolare nei pressi dell'oasi di Marmorta: nessuno vuole pensare alle conseguenze di una mancata cattura di Vaclavic che ha un curriculum criminale considerato fin dall'inizio compatibile quantomeno con la rapina della guardia giurata a cui è stata sottratta, a Consandolo, nel Ferrarese, la pistola calibro 9 (una Smith&Wesson argentata) poi utilizzata per l'omicidio di Budrio.
Il bandito era uscito dal carcere nella primavera del 2015, dopo aver scontato una condanna. La "bassa" tra Ferrara e Bologna lo vede in azione da almeno un decennio: già nel 2007 fu arrestato per aver rapinato agricoltori, minacciati con arco e frecce, tra Ferrara e Rovigo. Faretra sulle spalle, coltello legato a una gamba, una bandana nera. E un soprannome "Lupo Solitario" che si dice gli sia stato affibbiato in prigione. La Procura di Ferrara lo accusa di far parte, in altri colpi, della banda che rapì e uccise nel settembre 2015 il pensionato Pier Luigi Tartari, ad Aguscello, fatto di sangue a cui il 41enne non partecipò e per cui sono già state pronunciati due ergastoli.
Peraltro secondo le ultime verifiche Vaclavic, che ha molti alias, non sarebbe russo - come sembrava all'inizio della vicenda - ma proveniente dall'ex Jugoslavia. Non sarebbe neppure un ex militare, come si era detto, anche se sulla sue capacità di mimetizzarsi nel territorio e di sfruttarlo a suo favore non ci sono dubbi.
Sulle tracce di Igor gli investigatori ci sono da sabato scorso, quando Davide Fabbri, barista di 52 anni, è stato freddato con un colpo di pistola a Riccardina di Budrio, durante un tentativo di rapina. Dopo aver sparato al cuore di Fabbri, il killer era uscito dal bar puntando la pistola anche alla moglie, Maria, ma senza sparare. «Non dimenticherò mai quegli occhi - aveva detto la donna - non ho visto un barlume di pietà per nessuno di noi».

Sabato 8 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-04-2017 09:34 

mercoledì 5 aprile 2017

RIPOPOLAMENTO STAGIONE 2017

SECONDO GIORNO DI RIPOPOLAMENTO TROTE PRONTA 

PESCA SUL FIUME SANGRO, COME DA PROGRAMMA DELLA 

REGIONE ABRUZZO.

Un sentito ringraziamento al personale della Polizia Provinciale di Chieti, Sciorilli e Carafa, e agli Agenti Ittici Volontari dell’ARCI PESCA FISA Chieti, unitamente ai numerosi soci pescatori intervenuti per dare la propria collaborazione.










La più bella foto del giorno.                 Fiume Sangro....... amore a prima vista

ABRUZZO - NUOVA LEGGE SULLA PESCA